Bussola

Atto introduttivo e comparsa di costituzione e risposta (PCT)

15 Gennaio 2016 |

Sommario

Inquadramento | La disposizione di cui all’art. 16-bis d.l. n. 179/2012 ante riforma. L’inciso “precedentemente costituite” | Segue: ammissibilità o inammissibilità degli atti introduttivi depositati telematicamente | Il nuovo comma 1-bis dell’art. 16-bis, come novellato dal d.l. n. 83/2015 |

 

Con la consueta tecnica di “interpolazione normativa”, il Legislatore è intervenuto nuovamente, a distanza di poco più di un anno dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del d.l. n. 90/2014, incidendo significativamente sul regime degli atti depositabili telematicamente. Ed invero, con il d.l. 27 giugno 2015, n. 83 (in G.U., 27 giugno 2015, n. 147), convertito, con modificazioni, dalla l. 6 agosto 2015, n. 132 – intitolata «Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria» - sono state introdotte, all’art. 19, comma 1, nuove disposizioni in materia di processo civile telematico. In particolare, all’art. 16-bis d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla l. 17 dicembre 2012, n. 221, è stato aggiunto il nuovo comma 1-bis (come modificato, in sede di conversione, dalla l. n. 132/2015), che prevede testualmente: «Nell'ambito dei procedimenti civili, contenziosi e di volontaria giurisdizione innanzi ai Tribunali e, a decorrere dal 30 giugno 2015, innanzi alle Corti d'Appello è sempre ammesso il deposito telematico dell'atto introduttivo o del primo atto difensivo e dei documenti che si offrono in comunicazione, da parte del difensore o del dipendente di cui si avvale la ...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Istruzioni per l’uso

Istruzioni per l’uso

Su Atto introduttivo e comparsa di costituzione e risposta (PCT)

Citazione per sfratto, morosità, fine locazione
di Tommaso Bregonzio

Comparsa di costituzione
di Paolo Della Costanza

Vedi tutti »