Bussola

Contributo unificato tributario e spese di giustizia (PTT)

Sommario

Inquadramento | Il quadro normativo e l'evoluzione storica | Requisiti oggettivi e soggettivi del CUT | La dichiarazione di valore di causa, integrazione, prenotazione a debito e maggiorazione del CUT | La quantificazione del CUT e le verifiche rese dalla NIR nel PTT | Le modalità di versamento del CUT nel PTT, attuali e future | Raffronto tra Nodo Pagamento-SPC e pagamento telematico giustizia civile |

 

Il contributo unificato tributario (CUT) è la contribuzione unica da versarsi all'atto dell'iscrizione a ruolo a cura di chi intende usufruire dell'amministrazione della Giustizia Tributaria ed è analoga a quella (CU) prevista nel processo civile. Il CU ha natura di entrata tributaria erariale (C. cost. n. 73/2005; Cass., S.U., n. 3007/2008 - 3008/2008 e Cass. n. 5994/2012) e si definisce “unificato”, giacché sostituisce alcuni previgenti tributi specifici degli atti giudiziari. Il CU è univocamente e strettamente correlato col servizio giudiziario; è la quota imputabile al fruitore delle spese relative al servizio adito e concorrendo al finanziamento delle spese degli atti giudiziari stessi, riveste carattere di essenzialità e doverosità in ragione dello stretto nesso rispetto all'attività finanziata sottostante. Con l'avvenuto del PTT, in analogia col PCT, è stata ravvisata l'esigenza di aggiornare le modalità di versamento del contributo con i moderni metodi di pagamento, ciò al fine di rendere più rapida la modalità di pagamento. La dematerializzazione della ricevuta di pagamento consente altresì di inviare la stessa presso la Segreteria della CT nel medesimo flusso telematico del deposito e consentire al personale amministrativo un'immediata verifica, riducendo gli access...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

News

News

Su Contributo unificato tributario e spese di giustizia (PTT)

Vedi tutti »

Focus

Focus

Su Contributo unificato tributario e spese di giustizia (PTT)

Vedi tutti »