Bussola

CTU (PCT)

Sommario

Inquadramento | I nuovi strumenti per il CTU | Il ReGIndE per i CTU | Il conferimento dell’incarico e le operazioni peritali | Il deposito telematico della perizia |

 

Come è noto, dal 31 dicembre 2014, l’obbligatorietà del deposito telematico degli atti è completa (o quasi). Vige infatti l’obbligo di deposito telematico previsto dall’art. 16-bis d.l. n. 179/2012, in tutte le procedure pendenti e per tutti gli atti depositati dalle parti già costituite nei Tribunali. Tale previsione pone dunque un fondamentale distinguo tra atti che dovranno depositarsi obbligatoriamente in via telematica e atti che continueranno ad depositarsi in forma cartacea, fatta salva la possibilità, introdotta con il d.l. n. 83/2015, di depositare anche atti introduttivi e di costituzione in giudizio. Tale distinzione, tuttavia, non riguarda i consulenti tecnici d’ufficio che “fanno ingresso” nel processo esclusivamente in corso di causa e devono, pertanto, depositare qualsiasi perizia, documento o istanza per via telematica. Tuttavia, è doveroso rappresentare quali sono gli atti che gli avvocati devono obbligatoriamente depositare in via telematica, e quelli che invece possono essere continuare ad essere depositati in cartaceo. Questa precisazione è di fondamentale importanza anche per il consulente tecnico che si troverà nell’espletare il proprio incarico a consultare da un lato fascicoli ibridi e, precisamente, i fascicoli di parte cartacei consegnati dalle parti ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >