Bussola

Il gestore documentale TIAP (PPT)

28 Maggio 2019 |

Sommario

Inquadramento | Architettura del sistema | Normativa di riferimento e diritti della difesa | Trasmissione telematica e decorrenza del termine per la decisione di riesame | Modalità di inoltro della comunicazione di visibilità in TIAP | Immodificabilità degli atti trasmessi con il sistema TIAP | Trasmissione telematica a tempo |

 

In tutti gli scritti in argomento, Tiap (“trattamento informatico atti processuali”, oggi Tiap-Document@) viene descritto come “un applicativo sviluppato dal Ministero della Giustizia per la gestione informatica del fascicolo penale con possibilità di integrarne i contenuti nelle varie fasi processuali con atti, documenti e supporti multimediali”. Si tratta di uno strumento già in uso in molti uffici giudiziari e che la D.G.S.I.A. (organismo del Ministero della Giustizia che si occupa dello sviluppo e della gestione delle infrastrutture relative alla digitalizzazione del sistema processuale del nostro Paese) sta ulteriormente diffondendo, in linea con la nota ministeriale del 26 gennaio 2016. Il suo valore non risiede nella semplice capacità di trasformare i documenti cartacei in entità digitali per produrre un archivio informatico di facile consultazione (con possibilità di ricerca, esportazione e stampa dell’intero fascicolo o di singoli atti), quanto nel permetterne un utilizzo condiviso tra uffici del circondario e del distretto, consentendo anche ai difensori la consultazione e la ricezione delle copie degli atti a loro ostensibili.   In evidenza La giurisprudenza di legittimità ha individuato il fondamento normativo dell’uso di Tiap, a fini di comunicazione di copie d...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento