Bussola

Ricevute successive al deposito telematico (PCT)

Sommario

Inquadramento | Ricevuta di accettazione | Ricevuta di avvenuta consegna (RdAC) | Esito dei controlli automatici | Esito dei controlli manuali |

 

Il deposito in modalità telematica degli atti e documenti deve avvenire in ogni caso «nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici». Si esamina nel dettaglio la normativa concernente la trasmissione dei documenti informatici applicabile al PCT, di seguito indicata: a) il Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD, d.lgs. n. 82/2005, in particolare gli artt. 45 e 48); b) le regole tecniche in materia di posta elettronica certificata (regolamento di cui al d.P.R. n. 68/2005 e regole tecniche di cui al d.m. Innovazione 2 novembre 2005); c) l'ulteriore normativa speciale, di rango secondario e terziario, sul Processo Telematico, emanata a norma dell'art. 4, commi 1 e 2, d.l. n.193/2009 (Regole Tecniche di cui al d.m. Giustizia n. 44/2011 e Specifiche Tecniche di cui al Provvedimento DGSIA 16 aprile 2014, emanate a norma dell'art. 34 d.m. n. 44/2011), che deroga, ove dispone diversamente, rispetto alla normativa di cui al punto b). Tale quadro normativo delinea i flussi telematici del deposito dell'atto, le caratteristiche del messaggio di posta elettronica certificata inviato dal soggetto esterno tramite il c.d. “redattore” e le ricevute generate dai sistemi informatici. La PEC è definita da...

Leggi dopo