Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Notifiche telematiche (PPT)

È valida la notifica con PEC di un allegato (un decreto penale) illeggibile?

16 Maggio 2019 | di Valeria Bove

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Quando il ricorrente, in sede di richiesta di restituzione del termine per proporre opposizione, abbia allegato una circostanza tale da far ragionevolmente dubitare che non sia stata conseguita l’effettiva conoscenza del provvedimento da parte del destinatario, il giudice è tenuto a verificarla, attraverso l’esercizio dei propri poteri di accertamento.

Leggi dopo

Sulla data di ricezione degli atti trasmessi tra uffici giudiziari in allegato a PEC

13 Maggio 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

In tema di impugnazione cautelare, qualora la trasmissione della richiesta di riesame dall’ufficio giudiziario presso cui è stata presentata alla cancelleria del Tribunale distrettuale del riesame avvenga mediante invio di copia a mezzo PEC, il termine di cinque giorni entro il quale il PM procedente deve inviare a detto Tribunale del riesame gli atti posti a sostegno del provvedimento decorre dal momento della ricezione della mail da parte dell'ufficio distrettuale, attestata dall’accettazione da parte del sistema del messaggio PEC.

Leggi dopo

L’utilizzo della PEC nel processo di prevenzione

21 Marzo 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

In tema di procedimento di prevenzione, non è consentito l'utilizzo della PEC per la comunicazione di atti e di provvedimenti del giudice al Pubblico Ministero.

Leggi dopo

Nel processo penale le parti private possono usare la PEC per le notificazioni indirizzate ad altre parti private del medesimo giudizio?

13 Febbraio 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Nel procedimento penale, alle parti private è consentito effettuare comunicazioni e notificazioni rivolte ad altre parti private mediante l’utilizzo della posta elettronica certificata nel caso in cui l’impiego del mezzo tecnologico sia reso necessario dalla ristrettezza dei termini entro cui deve essere eseguito l’adempimento.

Leggi dopo

Procedimento penale ed istanze di parte effettuate utilizzando la PEC

23 Gennaio 2019 | di Enrica Priolo

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Nell'ambito del procedimento penale alle parti private non è consentito effettuare comunicazioni, notificazioni nonché presentare istanze mediante l'utilizzo della cosiddetta PEC, la posta elettronica certificata.

Leggi dopo

Atti nel TIAP e diritto di difesa

16 Gennaio 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

In tema di appello cautelare, la possibilità concessa alla difesa di consultare gli atti delle indagini digitalizzati nel sistema TIAP esclude qualsiasi violazione del diritto di difesa o del diritto al contraddittorio, non essendo impedito il tempestivo accesso a detti atti, né il rilascio di copia degli stessi.

Leggi dopo

L'istanza di rinvio per impedimento trasmessa con fax o con PEC non è irricevibile o inammissibile

17 Dicembre 2018 | di Valeria Bove

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

La richiesta di rinvio dell'udienza per legittimo impedimento, inviata a mezzo telefax in cancelleria, non è irricevibile né inammissibile, ma l'utilizzo di tale non regolare modalità di trasmissione comporta, per la parte che intenda dolersi dell'omesso esame della richiesta, l'onere di accertarsi del regolare arrivo del fax e del suo tempestivo inoltro al giudice procedente.

Leggi dopo

La Cassazione è sempre più granitica sul punto: sono inammissibili le impugnazioni (anche quelle cautelari) trasmesse con PEC

20 Novembre 2018 | di Valeria Bove

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

È inammissibile l'impugnazione cautelare reale trasmessa mediante l'uso della PEC o mediante fax in quanto le modalità di presentazione e di spedizione dell'impugnazione sono tassative, inderogabili e non ammettono equipollenti.

Leggi dopo

Sulla trasmissione a mezzo PEC degli atti di parte: c'è realmente un contrasto in Cassazione?

14 Novembre 2018 | di Valeria Bove

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

La questione che la Corte affronta, sia pur per evidenziare la non manifesta infondatezza del ricorso, riguarda la possibilità per la parte privata, e più specificamente per il difensore, di depositare atti trasmettendoli con PEC.

Leggi dopo

Istanza di rinvio dell’udienza a mezzo PEC: sì, ma il difensore deve fornire la prova della ricezione e della sottoposizione al giudice

23 Ottobre 2018 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Qualora il difensore trasmetta a mezzo PEC l’istanza di rinvio dell’udienza per un legittimo impedimento, avendo scelto una modalità di trasmissione irrituale, assume il rischio della sua mancata tempestiva presentazione al giudice procedente e, nel caso in cui non sia stata valutata da quest’ultimo, al fine di eccepire la nullità del giudizio, è tenuto a provare la sua ricezione da parte della cancelleria e la sua effettiva sottoposizione al giudicante.

Leggi dopo

Pagine