Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Irrilevanti i vizi della notifica telematica che non pregiudichino il diritto di difesa né impediscano al destinatario la conoscenza legale dell’atto

21 Ottobre 2020 | di Andrea Ricuperati

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

L’inosservanza delle disposizioni della legge 21.1.1994, n. 53, determina la nullità insanabile della notificazione eseguita in proprio dall’avvocato solo quando lede il diritto di difesa del destinatario o pregiudica altrimenti la decisione finale della controversia.

Leggi dopo

La notifica del ricorso nella procedura prefallimentare tra diritto di difesa e speditezza procedimentale

01 Ottobre 2020 | di Michele Nardelli

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

Ogni imprenditore, individuale o collettivo, iscritto al Registro delle Imprese, è tenuto a dotarsi di indirizzo PEC, che costituisce l'indirizzo "pubblico informatico" che i predetti hanno l'onere di attivare, tenere operativo e rinnovare nel tempo sin dalla fase di iscrizione nel registro delle imprese -e finanche per i dodici mesi successivi alla eventuale cancellazione da esso- la cui responsabilità, sia nella fase di iscrizione che successivamente, grava sul legale rappresentante della società.

Leggi dopo

È consentito alla parte privata l’uso della PEC per notificare propri atti altre parti?

23 Settembre 2020 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

PEC

Nel processo penale alle parti private è consentito effettuare la notificazione della richiesta di revoca o di modifica di una misura cautelare personale alle altre parti mediante l'utilizzo della posta elettronica certificata. Decisioni a confronto.

Leggi dopo

Vale il principio del raggiungimento dello scopo anche per le notifiche a mezzo PEC

03 Settembre 2020 | di Sara Caprio

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

La notificazione tramite posta elettronica certificata di un atto di citazione privo della relata è nulla ed in quanto tale il vizio è sanato se la consegna dello stesso ha comunque prodotto il risultato della sua conoscenza e determinato così il raggiungimento dello scopo legale. Inoltre, l'atto è firmato digitalmente anche se viene utilizzata la firma PAdES che lascia immutata l'estensione del file “.pdf”. Infatti, le firme digitali di tipo CAdES e di tipo PAdES sono entrambe ammesse ed equivalenti, sia pure con le differenti estensioni “.p7m” e “.pdf”, e devono, quindi, essere riconosciute valide ed efficaci, anche nel processo civile di cassazione, senza alcuna eccezione.

Leggi dopo

Il contraddittorio e il principio di oralità nel processo “emergenziale”

11 Agosto 2020 | di Francesca Ricciulli

Consiglio di Stato,

Atti processuali digitali delle parti (PAT)

La questione in esame è la seguente: se, nell'ambito del processo amministrativo, che non è improntato al principio di oralità delle dichiarazioni e del contraddittorio in senso “forte”, si possa prevedere, in fase di emergenza, un contraddittorio cartolare “coatto” o se, pur nella vigenza di una normativa emergenziale che dispone in questo senso, su richiesta di una delle parti, debba essere concesso, in linea con i principi costituzionali, il differimento dell'udienza a data successiva al termine della fase emergenziale allo scopo di consentire alle parti di discutere oralmente la controversia.

Leggi dopo

Inefficace il pignoramento immobiliare se la nota di trascrizione non è depositata entro quindici giorni dalla sua consegna al creditore

27 Luglio 2020 | di Alessandro Barale

Trib Salerno,

Esecuzioni immobiliari (PCT)

L’omesso deposito della nota di trascrizione del pignoramento entro quindici giorni dalla consegna della stessa al creditore determina l’inefficacia del pignoramento con conseguente improcedibilità della procedura esecutiva.

Leggi dopo

Effetti del mancato pagamento delle anticipazioni forfettarie nell’era del processo telematico

08 Luglio 2020 | di Stefano Bogini

Cass. civ.,

Contributo unificato (PCT)

Non può essere rifiutato l'atto depositato telematicamente non in regola con la corresponsione delle anticipazioni forfettarie di cui all’art. 30 DPR 115/2002. Infatti, il deposito con modalità telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore della posta certificata del Ministero della Giustizia.

Leggi dopo

Nulla ma rinnovabile la notifica effettuata a mezzo PEC utilizzando l’elenco INI-PEC. Errore scusabile del Consiglio di Stato?

06 Luglio 2020 | di Elia Barbujani

Consiglio di Stato,

Domicilio digitale

“È nulla la notifica di un ricorso nel caso in cui lo stesso sia stato notificato alla P.A. esclusivamente all’indirizzo PEC tratto dall’elenco INI-PEC, e non già presso l’indirizzo tratto dal ReGIndE”.

Leggi dopo

Può essere depositato telematicamente l’atto processuale non in regola con la normativa tributaria

30 Giugno 2020 | di Andrea Ricuperati

Cass. civ.,

Contributo unificato (PCT)

Non è rifiutabile dal cancelliere l’atto introduttivo del processo, che venga depositato con modalità telematica senza essere accompagnato dalla ricevuta di versamento dell’importo prescritto dall’art. 30, comma 1, del D.P.R. 30.5.2002, n. 115 (cd. marca da € 27).

Leggi dopo

La rimessione in termini all’epoca del deposito telematico

22 Giugno 2020 | di Michele Nardelli

Cass. sez. lav.,

Rimessione in termini (PCT)

La richiesta di rimessione in termini, proposta con il deposito cartaceo dell’impugnazione, a seguito di mancato perfezionamento del precedente deposito telematico, non può essere accolta quando sia già intervenuta una decadenza imputabile alla parte, ovvero quando non vi sia stata attivazione immediata rispetto alla maturazione della decadenza.

Leggi dopo

Pagine