Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Validità della notifica effettuata presso lo studio del domiciliatario anche senza l’indicazione del procuratore costituito

08 Maggio 2020 | di Francesco Pedroni , Matteo Schiavone

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

La PEC costituisce oggetto di un’informazione di carattere aggiuntivo finalizzata alle comunicazioni di cancelleria, che è destinata a surrogarsi, anche gli effetti della notifica degli atti, ad una domiciliazione mancante, ma non a prevalere su di una domiciliazione che il difensore abbia volontariamente effettuato, mediante indicazione contenuta nei propri atti difensivi.

Leggi dopo

Il ricorso per cassazione notificato a mezzo PEC con pdf frutto di scansione è ammissibile

31 Marzo 2020 | di Sara Caprio

Cass. civ.,

Giudizio dinanzi alla Corte Di Cassazione

Non è inammissibile il ricorso per cassazione notificato a mezzo posta elettronica certificata allegato al messaggio in formato “pdf” creato mediante la scansione della copia cartacea del ricorso e non in formato pdf “nativo”. Ciò che rileva è che l'atto abbia raggiunto lo scopo, per cui se l'atto è giunto a conoscenza del destinatario la notifica è valida.

Leggi dopo

La firma digitale del modulo di deposito si estende agli atti e documenti contenuti

27 Febbraio 2020 | di Elia Barbujani

TAR Campania,

TAR Campania, 27 gennaio 2017, n. 369.pdf

Firme

“Quanto alla circostanza che la copia dell’atto ab origine depositato in formato nativo digitale fosse privo della firma digitale deve aversi riguardo a quella giurisprudenza secondo la quale, avendo la parte depositato il ricorso mediante sottoscrizione con firma digitale del Modulo di deposito ricorso, secondo quanto prescritto dall’art. 6, comma 5, dell’All. A al D.P.C.M. n. 40/2016, che espressamente prevede che “la firma digitale PADES si intende estesa a tutti i documenti contenuti” (nel Modulo n.d.r) (...) deve infatti ritenersi che le indicate regole tecniche vadano ad integrare il disposto dell’art. 136 comma 2 bis c.p.a.”.

Leggi dopo

Il falso nell’annotazione al SICP si configura solo se ne viene definito il contenuto attestativo

18 Febbraio 2020 | di Valeria Bove

Cass. pen.,

Sistema informativo della cognizione penale (S.I.C.P.) (PPT)

Il cancelliere della segreteria del Procuratore della Repubblica che abbia attestato di aver evaso le richieste di archiviazione di centinaia di procedimenti, annotando al SICP, contrariamente al vero, l’avvenuto inoltro delle stesse al Giudice delle indagini preliminari, risponde del reato di falso?

Leggi dopo

La attestazione di conformità all’originale della copia notificata tra formalismi e pragmatismi

06 Febbraio 2020 | di Michele Nardelli

Cass. civ.,

Attestazioni di conformità

Le eventuali irritualità delle notifiche a mezzo PEC rilevano in quanto siano rapportate in concreto alla lesione del diritto di difesa della controparte, e ad una specifica doglianza di questa sulle conseguenze di quelle irritualità. Non hanno invece rilievo le irritualità in relazione alle quali la parte interessata non abbia dedotto, e se del caso provato, lo specifico pregiudizio subito.

Leggi dopo

La Corte di Cassazione torna sul tema della funzione del S.I.C.P.

29 Gennaio 2020 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Sistema informativo della cognizione penale (S.I.C.P.) (PPT)

Il S.I.C.P. costituisce la banca informativa di tutti i dati fondamentali della fase di cognizione del processo penale e sostituisce i registri cartacei non più esistenti, assicurando, ai diversi attori del procedimento penale, la condivisione delle informazioni necessarie alle rispettive attività. I relativi estratti, pertanto, sono idonei a comprovare la data di iscrizione delle notizie di reato.

Leggi dopo

Termine di impugnazione dei provvedimenti telematici: certificazione di conformità del difensore vs attestazione di deposito del cancelliere

27 Gennaio 2020 | di Yari Fera

Cass. civ.,

Copie, duplicati e attestazioni di conformità (PCT)

Deve essere dichiarato improcedibile il ricorso per cassazione quando non è depositata una copia autentica del provvedimento impugnato ai sensi dell’art. 369 c.p.c., non essendo sufficiente il deposito di una copia analogica di tale provvedimento, certificata dall’avvocato come conforme all’atto presente nel fascicolo informatico da cui è stata estratta ma priva dell’attestazione di cancelleria relativa alla data di deposito del provvedimento.

Leggi dopo

È valida la notificazione telematica che – pur non prevista dal giudice - sia conforme ai parametri di legge

22 Gennaio 2020 | di Andrea Ricuperati

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

La notificazione telematica di ricorso e decreto di convocazione dell’imprenditore, eseguita con l’osservanza del disposto di cui all’art. 15, comma 3, del r.d. n. 267/1942, è valida anche quando il giudice delegato all’istruttoria prefallimentare abbia prescritto una forma diversa per l’assolvimento dell’incombenza.

Leggi dopo

Inammissibile il ricorso in Cassazione sprovvisto delle attestazioni di conformità

20 Gennaio 2020 | di Rocco D'Aprile

Cass. civ.,

Giudizio dinanzi alla Corte Di Cassazione

È inammissibile il ricorso in Cassazione sprovvisto delle attestazioni di conformità delle copie analogiche del messaggio di posta elettronica certificata e delle ricevute di accettazione e di avvenuta consegna ai documenti informatici da cui sono tratte.

Leggi dopo

Inammissibile il ricorso per cassazione trasmesso a mezzo PEC

16 Dicembre 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Comunicazione di atti tra uffici giudiziari in via telematica (PPT)

In tema di impugnazione, è inammissibile il ricorso per cassazione avverso l’ordinanza del Tribunale del riesame non depositato nella cancelleria del giudice che ha emesso la decisione ai sensi dell’art. 311, c. 3, c.p.p., ma in quella di una diversa autorità giudiziaria e da quest’ultima trasmesso a mezzo PEC all'ufficio competente a riceverlo.

Leggi dopo

Pagine