Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Domanda di ammissione al passivo via PEC e conoscenza della pendenza del giudizio interrotto

10 Settembre 2018 | di Morena Pirollo

Cass. civ.,

Procedure concorsuali (PCT)

La dichiarazione di fallimento di una delle parti determina l'automatica interruzione del processo, con termine trimestrale per la sua riassunzione decorrente dalla data della conoscenza legale dell'evento, che ne ha causato l'interruzione, estesa, per la Curatela fallimentare, anche alla conoscenza della pendenza del processo.

Leggi dopo

Nullità della notificazione a mezzo PEC – sanatoria per raggiungimento dello scopo

05 Settembre 2018 | di Giuseppe Vitrani

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

L’onere di indicare nell’atto notificato per via telematica in corso di procedimento l’ufficio giudiziario, la sezione, il numero e l’anno di ruolo della causa, previsto a pena di nullità, rilevabile anche d’ufficio, assolve al fine di consentire l’univoca individuazione del processo al quale si riferisce la notificazione.

Leggi dopo

L’omessa sottoscrizione della firma digitale sull’atto notificato telematicamente non ne compromette la validità

04 Settembre 2018 | di Alessandro Barale

Cass. civ,

Firme

La Cassazione si pronuncia sulla validità dell'atto notificato telematicamente in caso di omessa sottoscrizione della firma digitale.

Leggi dopo

Validità ed efficacia della notificazione telematica di un c.d. “PDF-immagine”

30 Agosto 2018 | di Emanuele Forner

Cass. civ.,

PDF e formati ammessi (PCT)

La Cassazione si pronuncia sulla validità della notificazione telematica effettuata mediante allegazione di un documento elettronico in formato “PDF-immagine” anziché in formato “PDF-nativo”.

Leggi dopo

Notifica a mezzo “PEC” al difensore: la certezza del ricevimento si estende anche agli allegati?

27 Agosto 2018 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Nel caso di invio dell'atto da parte della cancelleria tramite PEC, la semplice accettazione della mail dal sistema e la ricezione del messaggio di consegna ad una determinata data e ora è sufficiente a far ritenere perfezionata e pienamente valida la notifica.

Leggi dopo

I termini per la proposizione dell’impugnazione in caso di spedizione telematica

01 Agosto 2018 | di Michele Nardelli

Corte d'Appello di Bari,

Appello (PCT)

Il limite delle ore 21, previsto per la disciplina della esecuzione delle notificazioni con modalità telematiche, non può che intendersi stabilito soltanto in vista della fictio del perfezionamento della notifica - per il destinatario – al giorno seguente, e non certamente per sancire il limite orario di validità della notifica da parte del mittente.

Leggi dopo

Il termine di deposito degli atti e dei documenti a seguito dell’entrata in vigore del PAT

30 Luglio 2018 | di Manuela Cundari

C.g.a.,

Deposito telematico degli atti delle parti (PAT)

Il C.g.a. affronta la questione concernente il termine entro cui è possibile depositare gli atti e i documenti a seguito dell’entrata in vigore del PAT.

Leggi dopo

La produzione della relata di notifica della sentenza impugnata in Cassazione

25 Luglio 2018 | di Michele Nardelli

Cass. civ.,

Giudizio dinanzi alla Corte Di Cassazione

Il difensore che propone ricorso per cassazione contro un provvedimento notificatogli con modalità telematiche deve depositare nella cancelleria della Cassazione copia analogica, con attestazione di conformità del messaggio di posta elettronica certificata ricevuto, nonché della relazione di notifica e del provvedimento impugnato, allegati al messaggio.

Leggi dopo

Impiego di firme elettroniche secondo formati equivalenti e validità dell’atto processuale telematico

18 Luglio 2018 | di Aniello Merone

Cass. civ., sez. un.,

Firme

Le Sezioni Unite sono state chiamate ad interrogarsi sulla effettiva presenza di una prescrizione sulla forma dell’atto del processo in forma di documento informatico, specie quando tale atto debba essere notificato direttamente all’avvocato di controparte, e se detta prescrizione, ove presente, sia tale da descrivere un requisito indispensabile ai fini del raggiungimento dello scopo ex art. 156, comma 2, c.p.c., e, pertanto, posto a pena di nullità ma sanabile in ragione del medesimo principio.

Leggi dopo

Deposito PAT oltre le ore 12: è tempestivo?

18 Luglio 2018 | di Elia Barbujani

TAR Friulia Venezia Giulia - Trieste,

Deposito telematico degli atti delle parti (PAT)

Intempestiva e, pertanto, non utilizzabile ai fini della decisione, una memoria prodotta nel giudizio amministrativo, secondo il PAT, nel caso in cui sia stata depositata oltre le ore 12 dell’ultimo giorno utile e/o consentito, secondo i termini perentori.

Leggi dopo

Pagine