News

News

Delibera che apre il procedimento disciplinare: ai fini della validità rileva l’originale e non la copia notificata

18 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Documento analogico e informatico

Il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza n. 136/2018, ha stabilito che ogni verifica in merito alla validità della delibera di apertura del procedimento disciplinare va effettuata sull'originale, a nulla rilevando eventuali vizi di sottoscrizione della copia notificata.

Leggi dopo

Il giudice non è tenuto a valutare l’istanza trasmessa a mezzo PEC

17 Aprile 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Nel processo penale non è consentito all’imputato inoltrare istanze mediante l'utilizzo della posta elettronica certificata. (Fattispecie relativa ad istanza di rinvio per legittimo impedimento avanzata a mezzo PEC dall’imputato).

Leggi dopo

Nulla la notifica all’indirizzo PEC della parte privata che non ha eletto domicilio speciale presso l’indirizzo di posta certificata

16 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Trib. Roma,

PEC

Nel caso in cui i cittadini tenuti per legge a dotarsi di indirizzo PEC ricevano sulla casella di posta della loro attività economica una notificazione telematica riferita ad un contenzioso estraneo all’impresa o alla professione esercitata, la notifica a mezzo PEC non può ritenersi perfezionata mediante l’inoltro e la consegna del messaggio cui è allegato l’atto giuridico, posto che è necessario che questi abbiano rilasciato il consenso alla ricezione delle notifiche tramite il mezzo della posta elettronica certificata.

Leggi dopo

Deposito irrituale e tardivo, quali conseguenze dopo l’entrata a regime del PAT?

12 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

TAR Lazio,

Deposito telematico degli atti delle parti (PAT)

Il TAR Lazio chiarisce che il mancato rispetto delle forme prescritte per il deposito telematico rende il ricorso inammissibile e neppure regolarizzabile, stante l’entrata a regime del PAT. Inoltre precisa che il giudice dichiara irricevibile il ricorso se accerta la tardività della notificazione o del deposito.

Leggi dopo

Se il decreto di citazione allegato alla PEC inviata al difensore riporta numero di procedimento e nome del ricorrente errati, la notificazione è nulla

11 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

Se nel decreto di citazione per il giudizio di appello, comunicato via PEC al difensore, viene indicato un diverso numero di procedimento e il nome di un altro ricorrente, la notificazione è nulla.

Leggi dopo

Ordine degli Avvocati di Isernia: avviato il servizio Gratuito Patrocinio Telematico

11 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Informatica giuridica e processo telematico

Anche l’Ordine degli Avvocati di Isernia, dopo quello di Padova, ha avviato il servizio Gratuito Patrocinio Telematico.

Leggi dopo

Momentanea indisponibilità dei servizi PEC in data 12 aprile

10 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

PEC

Dalle ore 22 alle ore 23:30 del giorno 12 aprile 2019, non saranno disponibili i servizi di Posta elettronica Certificata.

Leggi dopo

Perfezionamento della notifica telematica oltre le ore 21: la pronuncia della Corte Costituzionale

09 Aprile 2019 | di Nicola Gargano

Corte Cost.,

PEC

La Corte Costituzionale ha affermato l’illegittimità dell’art. 16-septies d.l. n. 179/2012 nella parte in cui prevede che se la ricevuta di accettazione della notifica telematica è generata dopo le ore 21 ed entro le ore 24, la notificazione si perfeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo.

Leggi dopo

Giustizia Amministrativa: ripristinato il servizio di PEC per depositi telematici

08 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

PEC

Si informano gli utenti che, dopo l’indisponibilità dello scorso 5 aprile, il servizio PEC è nuovamente disponibile. Pertanto i depositi andranno effettuati attraverso le normali funzionalità.

Leggi dopo

Il Senato ha approvato la riforma della class action

08 Aprile 2019 | di Redazione scientifica

Informatica giuridica e processo telematico

I voti a favore sono stati 206, 1 contrario, mentre 44 Senatori si sono astenuti. Passa dunque all’esame definitivo del Senato la riforma della class action che transita dal codice del consumo al codice di procedura civile.

Leggi dopo

Pagine