News

News

È valida la notifica consegnata nel domicilio del destinatario a persona di cui non viene precisata la qualità?

27 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

Non si configura alcuna nullità nel caso in cui la notificazione venga consegnata presso il domicilio del destinatario e l’avviso di ricevimento sia stato firmato dalla persona rinvenuta dall’ufficiale postale senza che ne risulti la qualità ovvero il rapporto con il destinatario, potendosi superare la presunzione di conoscenza di cui all’art. 1335 c.c. solo se il destinatario provi di essersi trovato (senza sua colpa) nell’impossibilità di prendere cognizione del plico.

Leggi dopo

Ricorso privo di firma digitale: si determina una mera irregolarità

23 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

TAR Lazio,

Firme

Nel PAT l’assenza di firma digitale sull’atto introduttivo del giudizio non da luogo ad inesistenza, abnormità o nullità degli atti, ma soltanto ad una situazione di irregolarità sanabile.

Leggi dopo

Notifica PEC al difensore: per il perfezionamento bastano l’accettazione dal sistema e la RAC

20 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

Notifiche telematiche (PPT)

In caso di notificazione al difensore mediante invio dell’atto tramite PEC, la semplice verifica dell’accettazione da parte del sistema e della ricezione del messaggio di consegna, ad una determinata data e ora, è sufficiente a far ritenere perfezionata e pienamente valida la notifica, non essendo necessario procedere ad ulteriori verifiche in ordine alla sua effettiva visualizzazione da parte del destinatario.

Leggi dopo

La rilevanza dell’attestazione del cancelliere ai fini del decorso del termine lungo

19 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.,

Termini e perfezionamento del deposito telematico di un atto (PCT)

La data di pubblicazione della sentenza redatta in formato elettronico, ai fini del decorso termine lungo per impugnare, non coincide con quella della sua trasmissione alla cancelleria da parte del Giudice, ma con quella dell’attestazione del cancelliere.

Leggi dopo

Fascicolo con indice realizzato per mezzo TIAP e non nelle forme dell’art. 3 d.m. 334/1989: nessuna nullità o inutilizzabilità degli atti

17 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

Il gestore documentale TIAP (PPT)

La Cassazione chiarisce che l’inosservanza delle prescrizioni sulla formazione del fascicolo processuale, previste dall’art. 3 d.m. n. 334/1989, non comporta nullità o inutilizzabilità degli atti, perché tali sanzioni processuali non sono previste dalla norma.

Leggi dopo

Sull’obbligatorietà del deposito telematico dell’istanza di fissazione dell’udienza

13 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

T.A.R. Lazio,

Deposito telematico degli atti delle parti (PAT)

Posto che, nell’attuale regime, il deposito di tutti i ricorsi nel processo amministrativo deve essere effettuato unicamente ed obbligatoriamente in modalità telematica, il deposito dell’istanza di fissazione dell’udienza in formato cartaceo si considera come tamquam non esset, poiché non più consentito (salvo casi eccezionali).

Leggi dopo

Negato l'accesso al fascicolo telematico al difensore che subentra

12 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

T.A.R. Lazio,

Fascicolo informatico (PAT)

Il T.A.R. Lazio ha negato al difensore subentrante l'accesso al fascicolo d’ufficio ritenendo che gli atti e i documenti di cui necessita possano essere acquisiti dai precedenti difensori, sui quali in tal senso incombe il preciso obbligo giuridico e deontologico.

Leggi dopo

Sperimentazione dei ricorsi in Cassazione: errata corrige

11 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Giudizio dinanzi alla Corte Di Cassazione

Il PST ha chiarito quali sono gli schemi XSD corretti ai fini della sperimentazione dei ricorsi presso la Corte Suprema di Cassazione.

Leggi dopo

Mera irregolarità in caso di deposito dei motivi aggiunti utilizzando moduli errati

09 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

T.A.R. Lazio,

Deposito telematico degli atti delle parti (PAT)

Se il ricorrente, per il deposito telematico dei motivi aggiunti, utilizza il “Modulo Deposito Ricorso” anziché il “Modulo Deposito Atto/Documento” prescritto per gli atti successivi al ricorso (quali sono appunto i motivi aggiunti), pone in essere una mera irregolarità che non può portare all’estinzione del giudizio.

Leggi dopo

Servizi PCT rallentati: ecco le fasce orarie

09 Dicembre 2019 | di Redazione scientifica

Informatica giuridica e processo telematico

Nella giornata di oggi, a causa di interventi di manutenzione, potrebbero verificarsi rallentamenti dei servizi dalle ore 11 alle 12 e dalle ore 14 alle 15.

Leggi dopo

Pagine