Giurisprudenza commentata

Nessuna inammissibilità se il software dell'ufficio non è in grado di leggere la firma digitale

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

L'atto depositato telematicamente è da considerarsi privo di firma digitale quando questa sia del tutto assente o non sia valida. In forza del principio di tassatività, non può, invece, considerarsi mancante o invalida la firma che non venga recepita dal sistema informatico per motivi strettamente tecnici.

Leggi dopo