News

Codice di giustizia contabile: giudizi telematici anche dinanzi alla Corte dei conti

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 209 del 7 settembre 2016 il Codice di giustizia contabile (d.lgs. 26 agosto 2016, n. 174) adottato ai sensi dell’art. 20 l. 7 agosto 2015, n. 124.

In particolare, l’art. 6 del decreto contiene alcune disposizioni in merito alla «Digitalizzazione degli atti e informatizzazione delle attività» e stabilisce, al comma 1, che i giudizi dinanzi alla Corte dei Conti si svolgeranno mediante le tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

 

Gli atti processuali, i registri, i provvedimenti del giudice e dei suoi ausiliari, del personale degli uffici giudiziari, dei difensori, delle parti e dei terzi potranno essere dei documenti informatici, validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge, purché ne sia garantita la riferibilità soggettiva e l’integrità dei contenuti (in conformità al d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82).

 

I decreti ex art. 20-bis d.l. n. 179/2012 che stabiliscono indicazioni tecniche, operative e temporali disciplinano, in particolare:

  • le modalità per la tenuta informatica dei registri, per l’effettuazione delle comunicazioni e notificazioni mediante PEC o altri strumenti di comunicazione telematica;
  • le modalità di autenticazione degli utenti e di accesso al fascicolo processuale informatico;
  • le specifiche per la formazione, il deposito, lo scambio e l’estrazione di copia di atti processuali digitali con garanzia di riferibilità soggettiva, integrità dei contenuti e riservatezza dei dati personali.

 

Infine, il PM contabile potrà effettuare le notificazioni degli atti direttamente agli indirizzi PEC contenuti in pubblici elenchi o registri.

In ogni caso, qualora non sia previsto diversamente, si applicheranno le disposizioni di legge e le regole tecniche relative al PCT. 

Leggi dopo