News

Ricorso improcedibile se manca la relata asseverata conforme di notifica della sentenza impugnata

Con ordinanza n. 12605/2018, la Cassazione ha dichiarato improcedibile il ricorso sulla base del principio di diritto elaborato da Cass. n. 17450/2017 secondo cui ai fini del rispetto di quanto imposto, a pena di improcedibilità, dall’art. 369 c.p.c., il difensore che propone ricorso per cassazione contro un provvedimento che gli è stato notificato con modalità telematiche deve depositare nella Cancelleria della Suprema Corte copia analogica, con attestazione di conformità, del messaggio PEC ricevuto nonché della relazione di notifica e del provvedimento impugnato allegati al messaggio.

 

Nel caso di specie, pur avendo il ricorrente dedotto la notifica di una sentenza nei suoi confronti, agli atti risultava solo una copia su carta, estratta dal fascicolo informatico e tale certificata dal difensore del ricorrente, priva della relata asseverata conforme con cui essa sarebbe stata notificata.

L’attestazione di conformità a firma del difensore del ricorrente, infatti, si riferiva alla sola copia della sentenza mancando, però, le copie cartacee del messaggio PEC pervenuto al destinatario della notifica con la relativa attestazione di conformità.

Leggi dopo