Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

Legittimo impedimento comunicato via PEC: al difensore richiedente spetta un duplice onere di verifica

13 Ottobre 2021 | di Roberta Giorsino

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

Non essendo prevista una modalità specifica di trasmissione delle istanze di rinvio deve ritenersi applicabile l'art. 121 c.p.p., a mente del quale si considera mezzo “tipico” il deposito in Cancelleria. Conseguentemente l'invio a mezzo PEC si inserisce nei mezzi “atipici” di trasmissione e, come tale, non esonera il difensore dal verificare che l'istanza giunga a conoscenza del giudice.

Leggi dopo

Impugnazione inviata ad un indirizzo PEC assegnato al Tribunale, ma non destinato alla ricezione di tali atti: è ammissibile?

26 Luglio 2021 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

La violazione dei provvedimenti organizzativi adottati dal dirigente dell'ufficio giudiziario in ordine alla destinazione dei singoli indirizzi PEC assegnati all'ufficio medesimo per il deposito degli atti difensivi non costituisce causa di inammissibilità dell'impugnazione cautelare...

Leggi dopo

Istanza via PEC al giudice: per ritenersi conosciuta basta che sia pervenuta all’indirizzo dell’ufficio?

14 Maggio 2021 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

La richiesta di differimento dell’orario di trattazione di una udienza deve ritenersi giunta nella sfera di conoscenza del giudice quando è pervenuta all'indirizzo istituzionale della cancelleria, essendo irrilevante la circostanza che non fosse stata tempestivamente inserita nel fascicolo processuale, in quanto non possono gravare sulla difesa le eventuali disfunzioni organizzative e i ritardi dell'ufficio giudiziario.

Leggi dopo

Domanda di riparazione per ingiusta detenzione a mezzo PEC

17 Ottobre 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

La domanda di riparazione per ingiusta detenzione non può essere presentata a mezzo PEC, dovendo essere depositata ex art. 315 e 645 c.p.p. nella cancelleria della Corte di appello che ha pronunciato la sentenza.

Leggi dopo