Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Nessun termine per il deposito cartaceo di un documento già prodotto in via telematica

25 Novembre 2021 | di Antonino Barletta

Trib. Busto Arsizio,

Documento analogico e informatico

Il Giudice del Tribunale di Busto Arsizio non ha disposto una CTU calligrafica in quanto, a suo giudizio, l’attore avrebbe dovuto fare istanza di deposito (il documento era regolarmente prodotto in via telematica) entro la memoria ex art. 183, c. 6, n. 2, c.p.c. e ciò ai sensi dell’art. 16 bis IX comma del d.l. n. 179 del 2012.

Leggi dopo

Notifica a mezzo PEC con allegati illeggibili: come deve comportarsi il destinatario?

08 Novembre 2021 | di Yari Fera

Cass. civ.,

Notifica in proprio a mezzo PEC (PCT)

A fronte della documentazione comprovante l'avvenuta accezione dal sistema e ricezione del messaggio di consegna, l'onere della prova della disfunzione del sistema grava sulla parte che contesta la regolarità della notificazione. In caso di ricezione di messaggi PEC i cui allegati risultino in tutto o in parte illeggibili, spetta al destinatario, in un'ottica collaborativa, rendere edotto il mittente incolpevole delle difficoltà di cognizione del contenuto della comunicazione legate all'utilizzo dello strumento telematico.

Leggi dopo

L'errore del difensore nell'individuazione dell'indirizzo PEC della cancelleria non determina la nullità dell'udienza celebrata senza contraddittorio

03 Novembre 2021 | di Paolo Grillo

Cass. pen.,

Processo penale telematico emergenziale (PPT)

“La nullità dell'udienza celebrata in assenza di contraddittorio non può essere dedotta da chi ha dato causa alla predetta invalidità”.

Leggi dopo

L'atto di impugnazione inviato via PEC è inammissibile se non rispetta i requisiti previsti dal decreto Ristori

25 Ottobre 2021 | di Giuseppe Vitrani

Cass. pen.,

Processo penale telematico emergenziale (PPT)

L'atto di impugnazione inviato a mezzo posta elettronica certificata deve essere dichiarato inammissibile ai sensi dell'art 24, comma 6-sexies, d.l. 137 del 2020 (decreto Ristori) se non rispetta i requisiti previsti da tale norma e dal comma 6-bis del medesimo articolo.

Leggi dopo

Il termine breve di impugnazione in caso di difesa della P.A. mediante un proprio funzionario

18 Ottobre 2021 | di Michele Nardelli

Cass. sez. lav.,

PEC

Nei giudizi di lavoro, le comunicazioni e le notificazioni alle PP.AA. che stanno in giudizio mediante propri dipendenti, aventi per oggetto i provvedimenti finali del giudizio di primo grado vanno eseguite esclusivamente per via telematica agli indirizzi di posta elettronica comunicati, senza che, ove effettuate al funzionario delegato con altre modalità, possa operare la sanatoria per raggiungimento dello scopo.

Leggi dopo

Legittimo impedimento comunicato via PEC: al difensore richiedente spetta un duplice onere di verifica

13 Ottobre 2021 | di Roberta Giorsino

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

Non essendo prevista una modalità specifica di trasmissione delle istanze di rinvio deve ritenersi applicabile l'art. 121 c.p.p., a mente del quale si considera mezzo “tipico” il deposito in Cancelleria. Conseguentemente l'invio a mezzo PEC si inserisce nei mezzi “atipici” di trasmissione e, come tale, non esonera il difensore dal verificare che l'istanza giunga a conoscenza del giudice.

Leggi dopo

La Cassazione ritorna sull'acquisizione dei tabulati telefonici dopo le indicazioni della CGUE

11 Ottobre 2021 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Archivio delle intercettazioni (PPT)

L’orientamento giurisprudenziale consolidato della Corte di cassazione, che ritiene utilizzabili i dati di traffico acquisiti con provvedimento del pubblico ministero, è superato dalle nuove disposizioni introdotte dal d.l. 30 settembre 2021, n. 132, che assegnano al giudice il compito di disporre detta acquisizione? A quali procedimenti si applica la nuova disciplina?

Leggi dopo

Ricorso di fallimento: valido il deposito presso la casa comunale se la notifica via PEC risulta impossibile

06 Ottobre 2021 | di Andrea Ricuperati

Cass. civ.,

Procedure concorsuali (PCT)

L'istanza di fallimento è validamente notificata con deposito presso la casa comunale, quando il debitore non provi che sia a sé non imputabile l'esito negativo della notifica telematica.

Leggi dopo

La notifica via PEC al procuratore o alla parte presso il procuratore è idonea a far decorrere il termine breve?

27 Settembre 2021 | di Alessandro Barale

Cass. civ.,

Domicilio digitale

Ai fini del termine breve di impugnazione, la notifica della sentenza finalizzata alla decorrenza di quest'ultimo, va eseguita o nei confronti del procuratore della parte ovvero della parte presso il suo procuratore, nel domicilio eletto o nella residenza dichiarata.

Leggi dopo

Tempestività del deposito telematico anche in caso di rifiuto dell'atto da parte della cancelleria

08 Settembre 2021 | di Giuseppe Vitrani

Deposito telematico (PCT)

Il deposito con modalità telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della giustizia. Diversa è invece la funzione della terza e quarta ricevuta trasmesse via PEC, riguardanti, rispettivamente, l'esito dei controlli automatici e di quelli manuali effettuati dalla cancelleria dell'ufficio giudiziario, controlli da cui non dipende la perfezione dell'effetto giuridico di deposito dell'atto, ma solo il caricamento di esso nel fascicolo telematico e la sua visibilità dalle altre parti del processo.

Leggi dopo

Pagine