Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Deposito a mezzo PEC nel processo penale: conseguenze della scelta di casella errata

14 Giugno 2021 | di Giuseppe Vitrani

Cass. pen.,

Processo penale telematico emergenziale (PPT)

Sono inammissibili i motivi nuovi trasmessi alla Cassazione tramite PEC ad una casella di posta diversa da quella indicata dal provvedimento del 9 novembre 2020, emesso dal DGSIA, ai sensi dell’art. 24, c. 4, d.l. n. 137/2020, conv. con mod. dalla l. n. 176/2020.

Leggi dopo

Malfunzionamento del sistema di videoconferenza del difensore: è legittima la sua sostituzione?

28 Maggio 2021 | di Laura Piras

Cass. pen.,

Processo penale telematico emergenziale (PPT)

È nulla, per violazione del diritto di difesa, l'ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza all'esito di un'udienza, fissata secondo le modalità “da remoto”, che si sia svolta in assenza del difensore di fiducia dell'interessato che non abbia partecipato per un malfunzionamento del sistema di videoconferenza e sia stato sostituito illegittimamente da un difensore d'ufficio prontamente reperito...

Leggi dopo

La ricevuta di avvenuta consegna è il “depositato” ad ogni effetto di legge: l'ultima conferma della Cassazione

27 Maggio 2021 | di Pietro Calorio

Cass. civ.,

Ricevute successive al deposito telematico (PCT)

Il deposito telematico degli atti processuali si perfeziona quando viene emessa la seconda PEC, ovvero la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata, con la conseguenza che la verifica da parte del Giudice della tempestività del ricorso deve avvenire con riferimento a tale momento.

Leggi dopo

Il termine breve di impugnazione e le notifiche presso il domicilio digitale

24 Maggio 2021 | di Michele Nardelli

Cass. civ.,

Domicilio digitale

La previsione dell'onere di deposito a pena di improcedibilità, entro il termine di legge, della copia della decisione impugnata con la relazione di notificazione, ove questa sia avvenuta, è funzionale al riscontro, da parte della Corte di cassazione della tempestività dell'esercizio del diritto di impugnazione, il quale, una volta avvenuta la notificazione della sentenza, è esercitabile soltanto con l'osservanza del cosiddetto termine breve.

Leggi dopo

Istanza via PEC al giudice: per ritenersi conosciuta basta che sia pervenuta all’indirizzo dell’ufficio?

14 Maggio 2021 | di Luigi Giordano

Cass. pen.,

Memorie e richieste delle parti mezzo PEC (PPT)

La richiesta di differimento dell’orario di trattazione di una udienza deve ritenersi giunta nella sfera di conoscenza del giudice quando è pervenuta all'indirizzo istituzionale della cancelleria, essendo irrilevante la circostanza che non fosse stata tempestivamente inserita nel fascicolo processuale, in quanto non possono gravare sulla difesa le eventuali disfunzioni organizzative e i ritardi dell'ufficio giudiziario.

Leggi dopo

La prova della notifica telematica del ricorso per cassazione

26 Aprile 2021 | di Yari Fera

Cass. civ.,

Giudizio dinanzi alla Corte Di Cassazione

È inammissibile il ricorso per cassazione per mancanza di prova della notificazione del ricorso in caso di deposito di copia informe dei documenti di consegna telematica. La mancata prova della consegna è equiparabile all'inesistenza della notificazione, che non consente come tale la concessione di un termine per il deposito, né la rinnovazione ai sensi dell'art. 291 c.p.c., propria dei soli casi in cui la notifica sia nulla.

Leggi dopo

Ancora in tema di captatore informatico: i limiti di impiego del Trojan tra questioni sostanziali e procedurali

22 Aprile 2021 | di Wanda Nocerino

Cass. pen.,

Archivio delle intercettazioni (PPT)

In tema di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni mediante installazione di un captatore informatico (Trojan), la riforma introdotta dal d.lgs. n. 216/2017 si applica a far data dal 1 settembre 2020, con la conseguenza che i procedimenti in materia di criminalità organizzata iscritti anteriormente a tale data sono soggetti alla disciplina precedentemente in vigore, nel rispetto dei principi affermati dalla sentenza delle Sezioni Unite “Scurato” del 2016.

Leggi dopo

Valido l'avviso di accertamento firmato digitalmente e notificato in formato cartaceo

15 Aprile 2021 | di Matteo Pillon Storti

Cass. Civ., sez. trib.,

Firma elettronica qualificata e firma digitale (PTT)

La Corte di Cassazione è stata chiamata ad esprimersi riguardo la legittimità degli atti impositivi in formato elettronico firmati digitalmente e sottoscritti in copia cartacea conforme all'originale. La Corte ha chiarito che, le norme del cd. Codice dell'Amministrazione Digitale, sono applicabili anche alle funzioni istituzionali di accertamento svolte dall'Agenzia delle Entrate, mentre non possono essere applicate alle attività e funzioni “ispettive e di controllo fiscale”. Tale decisione è stata motivata da un'approfondita valutazione riguardante la differenza fra attività accertativa e attività preliminare di verifica e controllo. In secondo luogo, i Giudici di legittimità hanno confermato l'inesistenza di alcun necessario collegamento tra documento informatico e notifica a mezzo PEC. Da ciò ne deriva che nulla impedisce la notifica secondo le regole ordinarie della notifica a mezzo posta di una copia analogica di un documento informatico conforme all'originale.

Leggi dopo

Decreto ingiuntivo su fattura elettronica: per il Tribunale di Cuneo non occorre l’estratto autentico

14 Aprile 2021 | di Fabrizio Testa

Trib. Cuneo,

Decreto ingiuntivo telematico (PCT)

Ai fini della concessione di decreto ingiuntivo, le fatture elettroniche, laddove prodotte in formato “.xml”, costituiscono duplicati informatici e possono ritenersi equipollenti all’estratto autentico delle scritture contabili previsto dall’art. 634, c. 2, c.p.c.

Leggi dopo

L'invio telematico degli atti dinnanzi al Giudice di Pace secondo l'interpretazione della Cassazione

13 Aprile 2021 | di Elisabetta Pofi

Cass. civ.

Giudice di Pace (PCT)

Nei procedimenti dinnanzi al Giudice di Pace non è consentito il deposito degli atti in via telematica, né a mezzo PEC né tramite l'invio di una raccomandata online al server di Poste Italiane dei documenti digitali, non essendo ancora intervenuta apposita normativa ministeriale disciplinante tali profili.

Leggi dopo

Pagine