News

News su PEC

Nulla la notifica ad un indirizzo PEC preso dal sito web del destinatario e diverso da quello nel Reginde

27 Settembre 2021 | di Redazione scientifica

Cass. civ.,

PEC

«La notifica, effettuata ad indirizzo PEC diverso, preso dal sito del destinatario, deve ritenersi dunque nulla, in presenza di un indirizzo, sempre di posta elettronica certificata, risultante dal Reginde».

Leggi dopo

Validità della cartella esattoriale notificata via PEC in formato pdf

14 Settembre 2021 | di Redazione scientifica

CTR Lazio, Roma

PEC

Deve essere ritenuta legittima e valida la notifica della cartella esattoriale effettuata in pdf, essendo sufficiente che la copia telematica rechi l'attestazione di conformità, redatta secondo le disposizioni vigenti ratione temporis.

Leggi dopo

Quando la notifica all’indirizzo PEC indicato nell’IndicePA è valida?

13 Settembre 2021 | di Alessandro Villa

Cass. civ.,

PEC

La notifica al registro IndicePA è valida qualora la Pubblica Amministrazione, anche con colpa, non abbia inserito il proprio registro di posta elettronica certificata nel ReGinDE. Tale normativa, in assenza di una indicazione in proposito e di una interpretazione autentica, non si applica alle notifiche effettuate in precedenza alla entrata in vigore.

Leggi dopo

Notifica dell’atto di appello, elezione di domicilio e PEC

30 Agosto 2021 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

PEC

A seguito delle modifiche degli artt. 125 e 366 c.p.c. apportate dall’art. 25, l. 183/2011, la domiciliazione ex lege presso la cancelleria dell’autorità giudiziaria, innanzi alla quale è in corso il giudizio, ai sensi dell’art. 82 r.d. 37/1934, consegue soltanto ove il difensore, non adempiendo all’obbligo prescritto dell’art. 125 c.p.c. per gli atti di parte e dall’art. 366 c.p.c. specificatamente per il giudizio di cassazione, non abbia indicato l’indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine.

Leggi dopo

Avvocato sotto procedimento disciplinare e omessa comunicazione della PEC

26 Agosto 2021 | di Redazione scientifica

PEC

Il COA di Roma ha formulato un quesito al CNF al fine di sapere se è possibile procedere alla cancellazione di un avvocato dall'albo per mancata comunicazione dell'indirizzo PEC, nonostante penda nei suoi confronti un procedimento disciplinare.

Leggi dopo

Agid e gestori PEC: verso i servizi di recapito certificato qualificato

16 Luglio 2021 | di Redazione scientifica

PEC

L’Agenzia per l’Italia Digitale, insieme ai gestori PEC, ha condotto i test utili alla realizzazione di futuri servizi di recapito a norma Eidas.

Leggi dopo

Avviso dalla Cassazione: istituita casella PEC per depositi delle SSUU Penali

05 Luglio 2021 | di Redazione scientifica

PEC

Per i depositi delle Sezioni Unite Penali è stata istituita una casella PEC.

Leggi dopo

Il difensore sbaglia indirizzo PEC e tempistiche per partecipare all’udienza: è l’unico responsabile

25 Giugno 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

PEC

Il difensore che sbaglia indirizzo PEC e tempistiche per poter partecipare all’udienza da remoto è l'unico responsabile, ai sensi dell’art. 182 c.p.p.

Leggi dopo

Rescissione del giudicato: inammissibile il ricorso trasmesso a mezzo posta elettronica certificata

10 Giugno 2021 | di Annalisa Gasparre

Cass. pen.,

PEC

In tema di rescissione del giudicato, si applicano le norme stabilite per le impugnazioni penali; pertanto, poiché la normativa emanata durante la crisi pandemica non ha derogato al codice di procedura penale prevedendo una modalità di trasmissione telematica degli atti di impugnazione, l’istanza di rescissione presentata a mezzo PEC, prima della legge di conversione, va dichiarata inammissibile.

Leggi dopo

Liste testimoniali depositate a mezzo PEC: ammissibili se la Cancelleria inserisce copia cartacea nel fascicolo d’ufficio

10 Giugno 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

PEC

La ratio alla base della sanzione di inammissibilità delle comunicazioni effettuate dalle parti tramite PEC, anziché nelle modalità previste dalla legge, è da rinvenirsi nella mancanza del fascicolo telematico, che rende di fatto l’atto depositato con modalità telematica inesistente. Tuttavia, qualora la Cancelleria, spontaneamente, proceda a stampare gli atti trasmessi via PEC dalle parti su supporto cartaceo e a inserirli nel fascicolo d’ufficio nel rispetto dei termini, viene meno il fondamento stesso della sanzione di inammissibilità conseguente alla violazione delle forme di trasmissione degli atti di parte.

Leggi dopo

Pagine