News

News su PEC

Agid e gestori PEC: verso i servizi di recapito certificato qualificato

16 Luglio 2021 | di Redazione scientifica

PEC

L’Agenzia per l’Italia Digitale, insieme ai gestori PEC, ha condotto i test utili alla realizzazione di futuri servizi di recapito a norma Eidas.

Leggi dopo

Avviso dalla Cassazione: istituita casella PEC per depositi delle SSUU Penali

05 Luglio 2021 | di Redazione scientifica

PEC

Per i depositi delle Sezioni Unite Penali è stata istituita una casella PEC.

Leggi dopo

Il difensore sbaglia indirizzo PEC e tempistiche per partecipare all’udienza: è l’unico responsabile

25 Giugno 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

PEC

Il difensore che sbaglia indirizzo PEC e tempistiche per poter partecipare all’udienza da remoto è l'unico responsabile, ai sensi dell’art. 182 c.p.p.

Leggi dopo

Rescissione del giudicato: inammissibile il ricorso trasmesso a mezzo posta elettronica certificata

10 Giugno 2021 | di Annalisa Gasparre

Cass. pen.,

PEC

In tema di rescissione del giudicato, si applicano le norme stabilite per le impugnazioni penali; pertanto, poiché la normativa emanata durante la crisi pandemica non ha derogato al codice di procedura penale prevedendo una modalità di trasmissione telematica degli atti di impugnazione, l’istanza di rescissione presentata a mezzo PEC, prima della legge di conversione, va dichiarata inammissibile.

Leggi dopo

Liste testimoniali depositate a mezzo PEC: ammissibili se la Cancelleria inserisce copia cartacea nel fascicolo d’ufficio

10 Giugno 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

PEC

La ratio alla base della sanzione di inammissibilità delle comunicazioni effettuate dalle parti tramite PEC, anziché nelle modalità previste dalla legge, è da rinvenirsi nella mancanza del fascicolo telematico, che rende di fatto l’atto depositato con modalità telematica inesistente. Tuttavia, qualora la Cancelleria, spontaneamente, proceda a stampare gli atti trasmessi via PEC dalle parti su supporto cartaceo e a inserirli nel fascicolo d’ufficio nel rispetto dei termini, viene meno il fondamento stesso della sanzione di inammissibilità conseguente alla violazione delle forme di trasmissione degli atti di parte.

Leggi dopo

Vizi della notifica a mezzo PEC, mancato rinnovo e rinuncia al ricorso

13 Maggio 2021 | di Redazione scientifica

PEC

Alla rinuncia al ricorso per cassazione ad opera della parte che lo aveva inizialmente proposto segue sempre la declaratoria di estinzione del giudizio, quand’anche consti una causa di inammissibilità dell’impugnazione.

Leggi dopo

Inammissibile l’opposizione al decreto penale di condanna via PEC, anche durante il periodo emergenziale

28 Aprile 2021

Cass. pen.,

PEC

In virtù del principio di tassatività delle forme e avendo l’opposizione al decreto penale di condanna natura di impugnazione, deve essere dichiarata inammissibile l’opposizione presentata dal difensore a mezzo PEC.

Leggi dopo

Nessuna violazione di legge se il giudice non ha disposto il rinvio dell’udienza richiesta dal difensore via PEC

26 Aprile 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.,

PEC

Nel processo penale, deve confermarsi l’esclusione della possibilità per le parti private di utilizzare la posta elettronica certificata per comunicazioni, notificazioni ed istanze.

Leggi dopo

Il professionista non può essere paragonato ad un privato non soggetto all'obbligo di possedere una PEC

09 Aprile 2021 | di Redazione scientifica

CTR Basilicata

PEC

Nel caso di specie, il contribuente aveva proposto ricorso alla CTP di Matera chiedendo l’annullamento dell’atto di pignoramento per omessa notifica delle relative cartelle, mentre la resistente Agenzia delle Entrate riscossione aveva eccepito la regolare notifica a mezzo PEC della cartella di pagamento effettuata al professionista.

Leggi dopo

Per la nomina dell’avvocato di fiducia tramite PEC non è richiesta l’autenticazione della sottoscrizione

26 Marzo 2021 | di Redazione scientifica

Cass. pen.

PEC

La Corte di cassazione ha ribadito che la nomina del difensore di fiducia, inoltrata a mezzo PEC (equivalente alla raccomandata) alla Procura, mediante dichiarazione sottoscritta dall’indagato ma non autenticata dal difensore, è ritenuta valida, non rilevando che la firma sia illeggibile.

Leggi dopo

Pagine